FUTURE USA: IL PIU’ OTTIMISTA E’ L’S&P 500

19 Giugno 2003, di Redazione Wall Street Italia

A tre ore dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa sono tutti positivi. A giudicare dal fair value quello che segna il maggior progresso e’ l’S&P 500.

Sul fronte macroeconomico, oltre alle consuete richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione, sono attesi una serie di dati. Prima dell’apertura saranno comunicati i numeri sulla bilancia delle partite correnti del primo trimestre 2003. A mercati aperti verranno comunicati, nell’ordine, il Superindice di maggio, l’indice Filadelfia Fed di giugno e il budget del Tesoro di maggio. Soprattutto il dato proveniente da Filadelfia potrebbe influenzare la sessione di oggi: dopo le buone notizie provenienti dall’area di New York, comunicate attraverso l’Empire State Index lunedi’ scorso, un’eventuale conferma del miglioramento dell’economia sarebbe molto positiva per i mercati.

Per quanto riguarda gli utili trimestrali dopo Bear Stearns e Morgan Stanley che hanno pubblicato ieri, oggi prima dell’apertura del mercato sara’ la volta di Lehman Brothers che comunichera’ i risultati del secondo trimestre fiscale. Le attese sono per un EPS a $1,17 in salita rispetto ai $1,08 realizzati nello stesso periodo dell’anno scorso.

Alle 12:30 (le 6:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 2,80 punti (+0,28%), a 1011,00 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in rialzo di 6,00 punti (+0,48%), a 1.252,50 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 23 punti (+0,25%), a 9.293 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare prezzi a 102,05 e rendimenti al 3,37%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA