FUTURE USA BLOCCATI SOTTO LA PARITA’

3 Marzo 2004, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dall’inizio delle contrattazioni, i future sugli indici americani sono ancora negativi.

La tenuta della Borsa di Tokio che ha segnato solo un frazionale ribasso, dimostra le caratteristiche cicliche del mercato nipponico e il ruolo difensivo che in questo momento svolge rispetto all’equity USA.

Gli spunti macroeconomici oggi arriveranno dall’ISM non manifatturiero, in pratica l’indice dei direttori degli acquisti del settore servizi. Per il mese di febbraio, si attende un calo da 65.7 (record storico) a 63.4 punti. Osservato speciale sara’ ancora una vlta la sottocomponente relativa all’occupazione.

Nel pomeriggio (ore 20.00 in Italia) verra’ reso noto dalla Fed il Beige Book, il rapporto relativo allo stato dell’economia negli Stati Uniti.

Per quanto riguarda le notizie societarie, occhi puntati su Walt Disney (DIS – Nyse) la cui assemblea e’ chiamata a decidere se Michael Eisner manterra’ il doppio ruolo di presidente e amministratore delegato in azienda. In caso di risposta negativa, il mercato scommette sulle dimissioni dello stesso Eisner.

Attenzione anche a Wal Mart (WMT – Nyse) che ha aumentato il dividendo trimestrale del 44% da $0.09 a $0.13. Il monte dividendi distribuiti, quest’anno ammontera’ a $2.2 miliardi. La societa’ ha costantemente aumentato la remunerazione dei suoi azionisti sin dal 1974.

Qualche indicazione sul comnparto retail (RLX), verra’ dalle trimestrali di Costco (COST – Nasdaq), Sachs (SKS – Nyse) e Toy ‘R’ Us (TOY – Nyse).

Sul fronte valutario il dollaro trova di nuovo la forza per strappare al rialzo sia sull’euro che sullo yen. La moneta del Vecchio Continente (XEU) e’ scesa fino a $1.2108 quota che non veniva segnata dal 2 dicembre scorso. La valuta nipponica (XJY) scende fino a Y110.47 per dollaro, valore che non si vedeva dallo scorso 4 novembre.

Alle 14:30 (le 8:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 2.60 punti (-0.23%) a 1.146,40 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in calo di 3.50 punti (-0.24%) a 1.469,50 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones scende di 25 punti (-0.24%) a 10.563 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4.09%.