FUTURE: SUI MERCATI USA TORNA IL BUONUMORE

12 Gennaio 2005, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’apertura delle borse i future sugli indici americani sono positivi.

A diffondere il buonumore sui mercati Usa ci ha pensato Intel. Il n.1 al mondo dei chip per computer nell’after hour di martedi’ ha pubblicato risultati trimestrali migliori delle attese, ha alzato di $1 miliardo il budget destinato alla spesa per investimenti e ha alzato le previsioni sui risultati futuri. Il titolo e’ in forte rialzo nel preborsa.

Hanno invece deluso le stime i numeri pubblicati dal corriere internazionale UPS. Il calo del titolo nell’after hour di ieri ha trascinato al ribasso anche quello della concorrente FedEx.

Ancora dal fronte societario, Microsoft potrebbe registrare alcune pressioni dopo l’annuncio delle dimissioni del direttore finanziario John Connors, che ha lasciato l’azienda per unirsi a una societa’ di venture capital.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Gli operatori ritengonop che l’elemento chiave che consentira’ ai mercati di guadagnare terreno nella seduta odierna risiede nel petrolio. Alle 16:30 ora italiana saranno pubblicati i dati settimanali sulle scorte di greggio.

Gli analisti si aspettano un calo per quanto riguarda il greggio, e un aumento delle scorte di distillati e gasolio. Il prezzo del greggio in questo momento guadagna 26 centesimi a $45.86 al barile.

Sul fronte economico molto atteso e’ il dato sulla bilancia commerciale di novembre. Le stime degli economisti sono per un calo del deficit statunitense a $54 miliardi dai $55.46 di ottobre. Il dato dovrebbe influenzare la quotazione del dollaro. Nelle prime battute di contrattazioni il biglietto verde e’ in recupero sull’euro. Il cambio tra le due monete e’ 1.3110.

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.25% contro il 4.24% della chiusura di martedì. L’oro cede $0.20 a $422.2 all’oncia.

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 4 punti (+0.34%) a 1187.9 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in progresso di 10.5 punti (+0.67%) a 1569.5.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 32 punti (+0.30%) a 10605 punti.