FUTURE SUGLI INDICI USA ANCORA IN FORTE RIBASSO

17 Luglio 2003, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni a Wall Street, i future sugli indici Usa continuano ad essere negativi. Agli attuali livelli, l’apertura della borsa sara’ in ribasso.

Pesano, in particolare, il warning sulle vendite del trimestre in corso lanciato da Nokia (NOK) e le deboli prospettive sulla spesa in Information Technology annunciate ieri da IBM (IBM) nel corso della conference call sul bilancio trimestrale.

Hanno solo in parte allegerito la pressione sui contratti i dati macroeconomici, risultati migliori delle previsioni. Le richieste di sussidi alla disoccupazione sono scese di 29.000 unita’ a quota 412.000, contro le 425.000 unita’ attese dal mercato. I nuovi cantieri edili si sono attestati a 1,8 milioni, contro gli 1,75 stimati dagli esperti.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 8,00 punti (-0,83%), a 986,80 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in calo di 19,50 punti (-1,51%), a 1.275,00 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones accusa un ribasso di 68 punti (-0,75%), a 9.020 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 3,97%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA