FUTURE: SI PREANNUNCIA UN’APERTURA DEBOLE

12 Aprile 2005, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa hanno esteso le perdite.

Ad aggiungere pressioni ai mercati usa sono stati gli ultimi dati sulla bilancia commerciale. Nel mese di febbraio il disavanzo commerciale degli Stati Uniti nei confronti dell’estero e’ salito al livello record di $61 miliardi. Il consensus era per un deficit di $59 miliardi.

Molto attese sono le minute relative al meeting sui tassi d’interesse del FOMC svoltosi il 22 marzo. Gli investitori cercheranno di percepire se la Federal Rerserve per il futuro intenda procedere sulla via delle strette creditizie in modo piu’ spedito rispetto alle attese. Le minute saranno pubblicate alle 20:00 ora italiana.

Sul fronte societario, MCI ha dichiarato di non avere internzione di utilizzare una “poison pill”, cioe’ una strategia volta ad ostacolare takeover non graditi. L’obiettivo dell’azienda, si legge nel comunicato, e’ di ottenere il migliore risultato per tutti gli azionisti qualora l’azienda fosse acquisita da un’altra societa’.

Ancora sotto i riflettori, per ragioni negative, il settore software. Open Text ha lanciato un warning sui risultati di bilancio, annunciando che per il terzo trimestre fiscale riportera’ risultati inferiori a quelli stimati in precedenza.

Il gruppo biotech Genentech ha realizzato una crescita degli utili, grazie alle vendite sostenute dei farmaci anticancro, e ha alzato le previsioni sui risultati del 2005. Il titolo ha pero’ perso terreno nell’after hour di lunedi’ a causa delle preoccupazioni sulle vendite dell’Avastin, che secondo alcuni analisti potrebbero aver raggiunto un livello di picco.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.45% contro. L’oro cede $0.2 a $430.2 all’oncia, il petrolio sale di 10 centesimi a $53.81 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2920 contro il dollaro.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in calo di 2.3 punti (-0.19%) a 1181.4 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 arretra di 1.5 punto (-0.10%) a 1484.5 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in aumento di 31 punti (-0.30%) a 10432 punti.