FUTURE: REAZIONI CONTENUTE AI DATI MACROECONOMICI

16 Settembre 2004, di Redazione Wall Street Italia

A quasi un’ora dall’apertura delle borse i future sugli indici americani sono positivi.

I mercati hanno reagito in modo contenuto alla pubblicazione dei dati macroeconomici. Nel mese di agosto l’indice dei prezzi al consumo e’ salito dello 0.1% contro l’incremento atteso dello 0.2%. L’inflazione, quindi, negli Stati uniti resta sotto controllo.

Cio’ nonostante, gli operatori danno per scontato che la Federal Riserve, nella prossima riunione del 21 settembre, alzera’ i tassi d’interesse di 25 punti base.

Migliore delle attese anche le nuove richieste di sussidi di disoccupazione. Il dato la settimana scorsa e’ salito di 16.000 unita’ a quota 333.000. Le stime erano per un valore di 343.000. Ancora sul fronte economico, alle 18:00 ora italiana sara’ il pubblicato il Philly Fed di settembre, l’indicatore che misura l’andamento dell’attivita’ manifatturiera nell’area di Philadelphia.

Sui mercati continuano a preoccupare gli operatori l’andamento del prezzo del petrolio. La quotazione del greggio e’ in aumento di 19 centesimi a $43.77 al barile. Nel corso della mattinata la quotazione si e’ spinta fino a $44.20. Pesano gli effetti dell’uragano Ivan, che ha colpito la regione Usa del Golfo del Messico.

Sul fronte societario, non ci sono grandi aziende che oggi pubblicano gli utili. Le preoccupazioni su una contrazione dei profitti e’ uno dei principali elementi che stanno frenando le decisioni di investimento. Il warning di Coca-Cola sui risultasti del secondo semestre mercoledi’ ha condizionato pesantemente l’andamento dei listini.

Alcune pressioni oggi sono presenti sul settore hi-tech, dopo il downgrade di una banca d’affari sulla societa’ di infrastrutture telecom Qualcomm. Cattive notizie, inoltre, per la compagnia aerea Delta Airlines: gli auditor hanno messo in dubbio la possibilita’ che l’azienda possa sopravvivere.

Sugli altri mercati, sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.17%. In aumento la quotazione dell’oro, con il future di dicembre che guadagna $0.50 a $406.80 all’oncia. Il dollaro viene scambiato a 1.2156 contro l’euro.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in aumento di 0.70 punti (+0.08%) a 1121.90 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 0.50 punti (+0.04%) a 1423.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones avanza di 11 punti (+0.11%) a 10240 punti.