FUTURE: OTTIMISMO DOPO IL DATO SULL’INFLAZIONE

15 Giugno 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’apertura delle borse i future sugli indici americani hanno esteso i guadagni rispetto all’ultima rilevazione.

Gli ultimi dati sull’andamento dell’inflazione se non hanno cancellato le preoccupazioni degli operatori sui tassi d’interesse, certamente hanno ridimensionato i timori di un intervento aggressivo della Federal Reserve.

Nel mese di maggio l’indice dei prezzi al consumo e’ salito dello 0.6%, leggermente al di sopra delle previsioni degli analisti (+0.5%). Il dato “core”, tuttavia, che esclude le componenti piu’ volatili come alimentari ed energetiche, e’ salito dello 0.2%, in linea con il consensus del mercato.

Ancora sul fronte economico, e’ cresciuto piu’ delle attese il dato sulle scorte di magazzino. Nel mese di aprile l’indicatore ha registrato un incremento dello 0.5% contro il 0.4% previsto. Alle 15:45 ora italiana sara’ pubblicato il dato preliminare di giugno sulla fiducia dei consumatori.

Molto atteso, inoltre, e’ l’intervento di Alan Grenspan davanti alla Commissione Bancaria del Senato. Il Governatore della Fed terra’ un’audizione a partire dalle 17:00.

Passando agli utili societari, Lehman Brothers ha nettamente battuto le stime degli analisti sui risultati trimestrali. Questa sera, dopo la chiusura delle borse, pubblichera’ il bilancio il colosso software Oracle..

Alle 14:50 (le 8:50 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in progresso di 7.7 punti (+0.68%) a 1.33.2 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 11.5 punti (+0.78%) a 1.477.5.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 68 punti (+0.66%) a 10395 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4.78%. Sul fronte valutario, nella prima mattinata a New York il cambio euro/dollaro e’ 1.2111.