FUTURE: LIEVE MIGLIORAMENTO DOPO I DATI MACRO

24 Marzo 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni, i future sugli indici americani sono in miglioramento, ma non riescono a staccarsi dalla linea di parita’.

Lo spunto positivo per i mercati e’ arrivato dal dato migliore delle attese sugli Ordini di Beni Durevoli. Nel mese di febbraio l’indicatore ha registrato un incremento del 2.5% contro il +1.5% atteso dagli economisti.

Ancora in mattinata, alle 16:00 ora italiana, saranno pubblicate le cifre di febbraio sulle Vendite di Case Nuove. Le attese degli analisti sono per un valore complessivo di 1.10 milioni di unita’.

Continua a far discutere la decisione della Commissione Europea sul caso antitrust contro Microsoft. La commissione ha inflitto al colosso software una multa record di $612 milioni per violazione delle norme antimonopolistiche.

L’azienda dovra’ anche rendere note alle societa’ concorrenti alcune informazioni relative al sistema operativo Windows. Microsoft, inoltre, dovra’ offrire ai produttori di personal computer un sistema operativo che non contenga il Media Player.

Nel preborsa le azioni MSFT non sembrano, tuttavia, particolarmente risentire del verdetto sfavorevole delle autorita’ europee. Il titolo e’ anzi in lieve rialzo. Gli operatori avevano gia’ pronosticato una simile decisione.

Ancora per quanto riguarda i temi societari, occhi puntati sui titoli retail, dopo la nota positiva di CS First Boston su alcune grosse aziende del comparto, e sui semiconduttori: secondo la societa’ di ricerca Gartner le vendite globali di chip nel 2004 potrebbero crescere del 30%.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in calo di 0.10 punti (-0.01%) a 1.091,20 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 1.00 punti (+0.07%) a 1.372.5 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ invariato a 10.010.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 3.68%. Sul fronte valutario, dollaro in buon progresso. Il cambio con l’euro e’ 1.2179.