FUTURE: I DATI SULL’OCCUPAZIONE SPINGONO I MERCATI

4 Marzo 2005, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i future sugli indici Usa hanno esteso i guadagni.

Gli acquisti sono scattati in seguito ai dati migliori delle attese sull’occupazione. Nel mese di febbraio negli Stati uniti sono stati creati 262 mila nuovi posti di lavoro contro i 225 mila attesi dagli analisti. Buono, tra le varie sottocomponenti, l’andamento del settore manifatturiero, che ha registrato un incremento di 20 mila occupati dopo la flessione dello stesso ammontare registrata nel mese precedente. In aumento, pero’, il tasso di disoccupazione, salito al 5.4% dal 5.2% precedente.

Gli ultimi dati confermano che l’economia americana continua a migliorare e che gli effetti della crescita iniziano a manifestarsi in modo piu’ compiuto e con maggiore continuita’ nel mercato del lavoro. Restano sullo sfondo alcune preoccupazioni legate ai tassi di interesse. Gli operatori temono che la Federal Reserve possa essere piu’ aggressiva sulla politica di aumento dei tassi per scongiurare pericoli di inflazione.

Ancora dal fronte economico, alle 15:45 saranno pubblicati i dati sulla fiducia dei consumatori eleborati dall’Universita’ del Michigan. Alle 16:00 sara’ la volta degli ordini alle fabbriche.

passando alla cronaca societaria, notizie contrastate dal settore hi-tech. La societa’ di infrastrutture telecom Sonus Networks ha pubblicato risultati trimestrali preliminari inferiori alle attese. Il titolo nell’after hor di giovedi’ ha perso piu’ del 20%. Alcuni analisti hanno espresso giudizi positivi sui colossi tecnologici Oracle e Apple.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.35% contro il 4.38% della chiusura di giovedi’. L’oro guadagna $3.5 a $434.1 all’oncia, il petrolio cede 26 centesimi a $53.31 al barile e l’euro viene scambiato a 1.3158 contro il dollaro.

Alle 13:45 (le 7:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 8.10 punti (+0.67%) a 1218 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 12.5 punti (+0.83%) a 1526.5.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in aumento di 64 punti (+0.59%) a 10890 punti.