Future E-mini S&P500, chiude settimana scorsa in equilibrio

1 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Dopo la ripida salita da inizio Febbraio il future E-mini S&P500 si prende una pausa nella settimana appena conclusa, ignorando almeno in parte la discesa registrata in Europa. Gli investitori infatti con la questione Grecia ancora in altomare, hanno pensato bene di tenersi lontano dal Vecchio Continente scegliendo l’area del dollaro, che a sua volta ha dato supporto al mercato americano. Un ulteriore sostegno è arrivato anche dalle parole del Presidente della Fed, Bernanke, che davanti alla Commissione finanze della Camera ha spiegato che la Fed terrà a zero i tassi di interesse per un lungo periodo di tempo. Fattori che avrebbero potuto far proseguire la salita di febbraio tuttavia frenata da una quadro economico ancora contrastato. Negli Usa crolla la fiducia dei consumatori, la vendita di case nuove scende a gennaio e le richieste per i sussidi alla disoccupazione aumentano. Gli ordini di beni durevoli crescono e l’indice Fed di Chicago rimane sopra lo zero in zona di crescita. Il derivato statunitense archivia i 5 giorni a 1.103,5 punti dopo essere sceso fino al bottom 1.084,5 e mette a segno una performance settimanale negativa dello 0,36% a fronte di quella mensile positiva del 2,25%. Per le prossime sedute va posta particolare attenzione all’area di supporto vista a 1.087,75 con ulteriore target visto a 1.079,75. Resistenza a 1.108,25.