FUTURE: DEBOLI SEGNALI DI RIPRESA DOPO DATI MACRO

16 Aprile 2004, di Redazione Wall Street Italia

A meno di un’ora dall’apertura delle borse i future sugli indici Usa sono immobili intorno alla linea di parita’.

Hanno solo marginalmente migliorato l’umore degli operatori le cifre migliori delle attese dal settore immobiliare. Nel mese di marzo i nuovi cantieri edili negli Stati Uniti sono saliti del 6,4% a quota 2.007 milioni di unita’, contro gli 1.9 milioni attesi dagli economisti.

Si tratta del primo rialzo dallo scorso dicembre e del piu’ forte incremento mensile dal maggio del 2003. Bene anche i permessi edili che sono cresciuti fino a quota 1,946 milioni, ben al di sopra delle stime di mercato, a quota 1,910 milioni.

La giornata e’ ricca sotto il profilo degli appuntamenti economici. Alle 15:15 ora italiana saranno diffusi i dati su produzione industriale e capacita’ di utilizzazione degli impianti e alle 15:45 sara’ la volta della versione preliminare della fiducia dei consumatori (fiducia Michigan).

Sui mercati pesano in particolare le cattive notizie dal comparto hi-tech . Il colosso dei cellulari Nokia ha lanciato un warning sui risultati del secondo trimestre. L’azienda prevede un calo dei profitti e una crescita del fatturato piatta o leggermente negativa.

Il titolo ha gia’ perso il 23% dal sei aprile scorso, quando Nokia ha annunciato di prevedere un calo delle vendite di unita’ di telefonini.

Alle 14:45 (le 8:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 2 punti (+0.16%) a 1.126,80 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ invariato a 1.456.0 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 7 punti (+0.07%) a 10.360.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4.35%. Sul fronte valutario, nella prima mattinata a New York il cambio euro/dollaro e’ 1.1943.