FUTURE: ANCORA ORDINI SELL SUI CONTRATTI USA

12 Agosto 2004, di Redazione Wall Street Italia

A quasi un’ora dall’apertura delle borse i future sugli indici americani sono negativi.

A pesare sui mercati Usa anche oggi sono le cattive notizie dal settore tecnologico. Dopo l’outlook negativo sulle vendite fornito da Cisco Systems, Hewlett Packard ha lanciato un warning sui risultati del trimestre in corso.

Ha parzialmente controbilanciato la delusione sul colosso informatico il n.1 retail al mondo Wal-Mart, che ha riportato risultati di bilancio migliori delle attese.

Contrastate le notizie giunte dal fronte economico. Si sono rivelate migliori delle attese i dati sulle nuove richieste di sussidi di disoccupazione, ma ha deluso le aspettative il dato di luglio sulle vendite al dettaglio.

Ulteriori pressioni sui contratti americani arrivano ancora dal petrolio, che continua a trattare vicino ai $45 al barile. Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.29% contro il 4.28% della chiusura di mercoledi’. Il dollaro viene scambiato a 1.2270 contro l’euro e l’oro guadagna $1.1 a $399.10.

Alle 14:40 (le 8:40 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in calo di 5.10 punti (-0.47%) a 1.070.7 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in calo di 8.50 punti (-0.64%) a 1.318.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 41 punti (-0.41%) a 9890 punti.