Fusione tra Telecom e 3 Italia: trattative congelate

3 Luglio 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Telecom Italia e Hutchison Whampoa non uniranno le loro forze: la fusione e’ stata rimandata a data da destinarsi. I negoziati sono stati congelati dopo che i due colossi tlc non sono riuscite a trovare un accordo sul prezzo dell’operazione.

I dirigenti della società italiana, tre mesi dopo aver accettato di esaminare la possibilita’ di combinare le proprie attivita’ con quelle del gruppo asiatico Hutchison, hanno deciso di non portare a termine il progetto. Almeno non a questi termini.

Lo riferisce Bloomberg citando fonti che preferiscono rimanere anonime.

I manager di Telecom preferiscono concentrarsi sull’operazione di spin off degli asset del business telefonia fissa del gruppo, un piano gia’ approvato a maggio dal CdA.

Una fusione delle attivita’ wireless potrebbe sempre essere ripresa in considerazione in futuro, ma congelare il piano rappresenta per Telecom una chance persa per consolidarsi nel mercato affollato della telefonia mobile.

Il matrimonio fra la compagnia numero uno e numero quattro d’Italia non s’ha da fare, ma Hutchinson si e’ consolata con un altro affare in Europa. L’azienda di Hong Kong e’ particolarmente attiva nel continente: la settimana scorsa ha acquistato la divisione irlandese di Telefonica per $1,1 miliardi.

La cancellazione del tavolo delle trattative con Hutchison, qualora fosse confermata, lascerebbe inevitabilmente un vuoto di prospettive di breve periodo con conseguenze negative sulla performance di breve del titolo. Questa e’ l’opinione degli analisti di Equita, che giudicano i titoli da comprare.

“Tuttavia il tema del consolidamento del settore resterebbe di attualità perché alimentato da elementi macro sia internazionali che domestici che si accompagnano ad elementi `company specific` di Telecom Italia e del suo azionariato”.