Francia, aereo tedesco si schianta, 152 morti

24 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

PARIGI (WSI) – Un aereo di linea Germanwings diretto a Dusseldorf e proveniente da Barcellona si è schiantato stamattina nel sud della Francia. Stando a quanto riporta la Cnn, Oliver Wagner, amministratore delegato della compagnia di volo, sull’aere si trovavano 152 persone, tra cui due bambini. L’aereo è precipitato in otto minuti e si è schiantato nei pressi di di Digne, nelle Alpi dell’Alta Provenza, non lontano dal confine con l’Italia.

Il premier Manuel Valls ha ammesso che “nessuna ipotesi può essere esclusa” e la cancelliera tedesca Angela Merkel ha assicurato, dopo aver parlato con il presidente francese Farancois Hollande e il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, che Francia, Germania e Spagna cercheranno di far luce sulle “cause dell’incidente”. La stessa Merkel si recherà sul luogo del disastro, dove in questi momenti si sta dirigendo già il ministro degli Esteri tedesco, Frank Walter Steinmeier.

Il punto dell’impatto, vicino a Meolans-Revel, un piccolo comune abitato da poche centinaia di residenti, si trova a circa 2.000 metri d’altezza ed è difficile da raggiungere.

Le condizioni meteo erano buone. I piloti del volo 4U9525, che trasportava 142 passeggeri, hanno mandato un segnale di sos prima della caduta, avvenuta nell’area montagnosa e rurale di Digne, mezz’ora di macchina a nord di Marsiglia e a sud di Grenoble.

La compagnia aerea Germanwings, con sede a Colonia, è stata fondata nel 2002. L’amministratore delegato di Lufthansa – che appunto controlla Germanwings – ha scritto su Twitter: “Non sappiamo ancora esattamente cosa sia successo al volo 4U9525. Speriamo di trovare superstiti”.

Thomas Winkelmann, AD di Germanwings, ha precisato comunque che il volo 4U9525 “era stato sottoposto ai normali controlli di routine, dei quali il più recente è avvenuto ieri a Dusseldorf”. “Il pilota lavorava a Germanwings da oltre 10 anni e aveva all’attivo più di 6.000 ore di volo sugli A320”, ha continuato Winkelmann, nel corso di una conferenza stampa.

In un’altra conferenza stampa il presidente francese Hollande ha affermato che non esiste ancora “la totale certezza” che “non ci siano vittime francesi”. Hollande ha detto che le vittime sono tedesche, spagnole e turche. In particolare, tra le vittime tedesche, una intera classe di studenti, che partecipava a un programma di scambio con la Spagna, stando a quanto riporta il sito di Spiegel.

Sui mercati i titoli Airbus e Lufthansa, proprietaria al 100% della compagnia low cost, stanno perdendo terreno. L’aereo precipitato era stato costruito 24 anni fa e faceva parte della flotta della compagnia di bandiera tedesca dal 1991.

Il volo era partito alle 9.55 da Barcellona ed è scomparso dai radar alle 10.47. I resti del velivolo sono stati trovati nei pressi del paese di Barcelonnette, circa 100 chilometri a nord di Nizza.

Esultano intanto i jihadisti del Califfato islamico. “Allah ha colpito e la bandiera del Califfato sventola”, ha scritto un twitt l’utente “Sostenitori del Califfato” sul suo account @abohorayra00. “Allahuakbar, ringraziamo Allah al quale chiediamo che non vi fosse a bordo nessun musulmano”, ha scritto l’utente @X_GG77 firmandosi “Raad al Khilafah 6”; ovvero “Fulmine del Califfato”. Tale tweet è stato pubblicato insieme a una foto di Abu Musab al Zarqawi – leader di al Qaida irachena ucciso nel giugno 2006 nel corso di raid americani- ed è stato ritwittato immediatamente da molti altri simpatizzanti dell’Isis.

(DaC-Lna)