Foxconn in caduta libera a Hong Kong dopo i conti

31 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Crollano a Hong Kong le azioni della Foxconn, tristemente conosciuta per i suicidi di massa verificatisi negli scorsi mesi fra i dipendenti. La compagnia cinese, attiva nel settore della telefonia, ha lasciato sul terreno il 7,7% alla piazza di Hong Kong, penalizzando l’intero mercato. A penalizzare il titolo hanno contribuito i risultati e l’outlook deludenti annunciati dalla società, che ha chiuso il semestre con una perdita di 1452,6 mln di dollari, in forte aumento rispetto al rosso di 18,7 mln riportato lo scorso anno. I ricavi sono saliti del 2,2% a 3,213 mld. Anche l’outlook non è apparso positivo.