FONDI USA: SCORAGGIANO PICCOLI INVESTITORI

3 Agosto 2001, di Redazione Wall Street Italia

I fondi comuni azionari americani hanno perso mediamente il 12% nell’ultimo anno e molti investitori si vedono ora costretti a pagare penali o a chiudere il proprio conto per essere scesi al di sotto dei minimi prefissati.

Tra le societa’ che applicano penali variabili tra $10 e $100 l’anno per portafogli che scendono al di sotto di $2.000: Fidelity Investments, Dreyfus Corp. e T.Rowe Price Associates. Charles Schwab intende poi applicare una penale di $180 l’anno anche ai clienti che scendono al di sotto di $50.000.

Alcuni fondi comuni, pero’, scontano la penale agli investitori che contribuiscono mensilmente al portafoglio e altri, quali American Century Investments, ai clienti che accettano di gestire il proprio conto esclusivamente online. Vangard non applica la penale di $10 quando il conto scende al di sotto del minimo a causa del calo del mercato.

Anche l’investimento minimo iniziale e’ pero’ cresciuto. Vangard Group ha aumentato il minimo di quattro fondi a $25.000 da $10.000 del 1999.

“La tendenza e’ generalmente verso minimi piu’ elevati, specialmente in particolari settori”, ha commentato Avi Nachmany, a capo della ricerca della societa’ di consulenza Strategic Insight, “la richiesta di investimenti piu’ ingenti porta clienti piu’ importanti per la societa’.

“Le societa’ di fondi comuni parlano del loro interesse per tutti i mercati, ma agiscono in modo da convincere i piccoli investitori ad andarsene”, ha aggiunto John Markese, presidente dell’American Association of Indivudual Investors.

Le societa’ stesse si difendono sottolineando gli alti costi per mantenere servizi clienti quali ‘linee calde’ o informazioni costanti sul portafoglio.

American Century, poi, considera la penale un ‘favore’ nei confronti dei clienti se li incentiva ad investire di piu’.