Fitch taglia il rating di sette grandi colossi bancari Usa e Ue

16 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – L’agenzia di rating Fitch rivede al ribasso il merito di credito di sette colossi del settore bancario, citando le “maggiori difficoltà” che questi istituti affrontano nei mercati finanziari. Difficoltà che derivano non solo dagli sviluppi economici globali, ma anche dal continuo cambiamento delle regolamentazioni nel settore.

Gli istituti sono: Bank of America (da A+ ad A), Goldman Sachs (da A+ ad A), Citigroup (da A+ ad A), Barclays (da AA- ad A), Deutsche Bank (da AA- ad A+), Credit Suisse (da AA- ad A) e Bnp Paribas (da AA- ad A+).

Confermato il rating A di lungo periodo per JPMorgan Chase & Co, Morgan Stanley e UBS. Mantenuta anche la A+ su Societe Generale.

La decisione di Fitch completa la scia di revisione del rating dei principali istituti bancari da parte delle tre principali agenzie, le “Tre Sorelle” (Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch).

Moody’s aveva ridotto il merito di credito delle più importanti banche a settembre, citando la minore probabilità che il governo Usa andasse a sostegno del settore in caso di necessità. Lo scorso mese era invece intervenuta S&P.