Fincantieri paga crisi Brasile. Titolo -12% per allarme utili Vard

15 Ottobre 2015, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Tonfo a Piazza Affari per le quotazioni di Fincantieri, tra i più importanti complessi cantieristici navali nel mondo. Il titolo, alle 12.49 ora italiana, cede oltre -12%, a quota 0,6610 euro, dopo essere stato riammesso alle contrattazioni in seguito a una sospensione per eccesso di ribasso.

A pesare, l’allarme sugli utili lanciato dalla sua azienda controllata in Brasile, Vard. Fincantieri possiede la Vard al 55,63 per cento, iscrivendo utili e perdite nel suo bilancio.

Con una nota del profit warning, Vard ha previsto difficoltà operative dei cantieri brasiliani e in considerazione dell’attuale difficile contesto politico-economico del paese sudamericano, ha lanciato un profit warning, causa “l’impatto negativo significativo” sui risultati del terzo trimestre e dell’intero esercizio 2015.

Per Fincantieri nel primo semestre i ricavi di Vard hanno rappresentato il 27,5% dei ricavi consolidati. Appuntamento al prossimo 11 novembre quando sarà diffusa la trimestrale di Vard.

Arrivata intanto la nota dell’azienda su un ipotetico aumento di capitale. “In merito ad indiscrezioni apparse oggi sul Corriere della Sera relative ad un ipotetico aumento di capitale di Fincantieri la società chiarisce che ad oggi nessuna decisione è stata presa e nessun advisor è stato incaricato di studiare tale operazione”. (Aca)