Finalizzato l’accordo di acquisizione delle attività di ricerca veronesi di GSK da parte di Apt

7 Gennaio 2010, di Redazione Wall Street Italia

GlaxoSmithKline (GSK) e Aptuit, Inc. hanno oggi annunciato il perfezionamento dell’accordo di acquisizione da parte di Aptuit delle operazioni del centro di ricerca medico di GSK situato a Verona. L’intesa, effettiva a partire dal 1 luglio 2010, salvaguarda l’attività del personale operante presso il centro, mentre Aptuit metterà a disposizione di GSK i servizi di ricerca e sviluppo delle proprie strutture. Non sono stati resi noti i termini finanziari dell’accordo. Secondo l’accordo, grazie al trasferimento da GSK ad Aptuit di circa 500 addetti che operano presso la struttura, Aptuit acquisirà l’esperienza e le conoscenze scientifiche del centro di ricerca e questo aiuterà a mantenere in Italia la ricerca biologica e il pool di talenti. Oltre a diventare una parte importante della rete organizzativa di ricerca a contratto di GSK, grazie all’acquisizione delle operazioni Aptuit potrà offrire ai propri clienti di tutto il mondo anche servizi di sviluppo integrato. “Obiettivo di Aptuit è offrire capacità integrate di sviluppo farmacologico e razionalizzare questo processo. L’acquisizione dell’attività di ricerca veronese di GSK è strategica e rafforza ulteriormente l’esperienza e le capacità scientifiche di Aptuit, perché amplia la nostra offerta integrata di ricerca e sviluppo”, ha dichiarato Tim Tyson, presidente e CEO di Aptuit. “Questa collaborazione rappresenta un esempio del nuovo modello, in corso di sviluppo, basato sulle collaborazioni esterne nel settore R&D. Nel nostro segmento è rinomata l’esperienza di sviluppo farmacologico del personale veronese, che completerà in modo ottimale il team di Aptuit”. A febbraio GSK ha annunciato la proposta di dismissione della ricerca in aree neuroscientifiche selezionate, quali il dolore e la depressione, con effetto negativo sulla struttura italiana. Moncef Slaoui, presidente della divisione Ricerca e sviluppo di GSK, ha dichiarato: “L’approccio innovativo adottato da GSK e Aptuit mi soddisfa in pieno perché rappresenta un’opzione moderna alla conservazione dell’esperienza di ricerca farmacologica come parte della comunità scientifica italiana e perché offre l’opportunità di garantire la continuità dei posti di lavoro del personale GSK presso il sito. Senza la partecipazione del governo e dei sindacati nazionali non sarebbe stato possibile raggiungere questo accordo”. L’acquisizione del centro di ricerca medica di Verona porta a 19 il numero complessivo dei siti Aptuit in tutto il mondo, una rete di attività globale che offre una serie completa di servizi di sviluppo. Grazie a questo accordo migliora anche la capacità di Aptuit di servire i clienti che operano nel settore dello sviluppo di composti farmaceutici destinati ad aree terapeutiche di valore elevato e strategicamente importanti, come quella neuroscientifica, oltre al campo delle malattie cardiovascolari e infettive. Aptuit combinerà le proprie capacità esistenti con l’esperienza che caratterizza il centro di ricerca medica veronese nella ricerca farmacologica, nello sviluppo e produzione di ingredienti farmaceutici attivi (API) e nello sviluppo farmacologico pre-clinico e clinico, per generare una capacità unica e leader del settore. Informazioni su Aptuit: Aptuit, Inc. è una società internazionale che si occupa di snellire e supportare il processo di sviluppo farmaceutico per gli innovatori del settore della biotecnologia e farmaceutica. Aptuit offre una gamma completa di servizi relativi allo sviluppo di prodotti ad oltre 800 aziende a livello globale, caratterizzati dal profondo impegno verso il servizio ai clienti, la qualità e una comprovata tradizione di eccellenza scientifica. L’azienda è associata a Welsh, Carson, Anderson & Stowe, uno dei maggiori investitori privati di capitale al mondo. Per ulteriori informazioni su Aptuit, visitare www.aptuit.com. Per ulteriori informazioni sull’acquisizione del centro di ricerca medica di Verona da parte di Aptuit, visitare http://www.aptuit.com/Verona. GlaxoSmithKline, una delle principali case farmaceutiche basate sulla ricerca che opera anche nel settore sanitario, è impegnata a migliorare la qualità della vita umana per consentire alle persone di essere più attive e di stare meglio e di vivere più a lungo. Per ulteriori informazioni, visitare www.gsk.com Domande su Aptuit:         Joanna Disley +44 1244 845700 [email protected] Krystle Ficco (617) 761-6702 [email protected]   Domande su GlaxoSmithKline: Media del Regno Unito: Philip Thomson (020) 8047 5502 Claire Brough (020) 8047 5502 Stephen Rea (020) 8047 5502 Alexandra Harrison (020) 8047 5502 Jo Revill (020) 8047 5502   Media degli USA: Nancy Pekarek (919) 483 2839 Mary Anne Rhyne (919) 483 2839 Kevin Colgan (919) 483 2839 Sarah Alspach (919) 483 2839   Analisti/investitori europei: David Mawdsley (020) 8047 5564 Sally Ferguson (020) 8047 5543 Gary Davies (020) 8047 5503   Analisti/investitori USA: Tom Curry (215) 751 5419 Jen Hill Baxter (215) 751 7002 Dichiarazione precauzionale riguardante le dichiarazioni a carattere previsionaleAi sensi dello U.S. Private Securities Litigation Reform Act of 1995, GSK rende noto agli investitori che le dichiarazioni a carattere previsionale o previsioni comunicate da GSK, incluse quelle comprese nel presente annuncio, sono soggette a rischi e incertezze che possono comportare una differenza materiale tra i risultati reali e quelli previsti. I fattori che possono influire sulle attività di GSK sono descritti nella sezione ‘Risk Factors’ della ‘Business Review’ contenuta nella relazione annuale societaria, modulo 20-F, per il 2009. Registro delle imprese dell’Inghilterra e del Galles: n. 3888792   Sede legale: 980 Great West Road Brentford, Middlesex TW8 9GS Galleria fotografica/multimediale disponibile alla pagina: http://www.businesswire.com/cgi-bin/mmg.cgi?eid=6346867&lang=it Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Per Aptuit, Inc.Krystle Ficco, [email protected]