FIDUCIA DEI CONSUMATORI PEGGIORE DELLE ATTESE

19 Agosto 2003, di Redazione Wall Street Italia

Il dato preliminare sulla fiducia dei consumatori di agosto redatto dall’Universita’ del Michigan e’ sceso a quota 90,2. Gli economisti si aspettavano in media un valore di 91,4 punti.

Nel mese di luglio l’indicatore si era attestato a 90,9 punti. Ad aver influenzato negativamente il sentiment delle famiglie americane, si legge nel rapporto, sono stati soprattutto i recenti rialzi dei tassi sui mutui e le condizioni non molto incoraggianti del mercato del lavoro.

La componente dell’indice relativa alle condizioni attuali, che riflette il giudizio delle famiglie sulla loro situazione finanziaria e sull’opportunita’ di effettuare acquisti, e’ sceso da 102,1 a 100,5 punti.

La componente relativa alle aspettative, basata sulla sensazione relativa ai prossimi 1-5 anni, e’ calata da quota 83,7 a 83,6.