FIDEL CASTRO:
«SE DIMOSTRANO
CHE SONO RICCO,
MI DIMETTO»

16 Maggio 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – «Se provano che ho un conto all’estero che contenga anche un solo dollaro, mi dimetterò». Parola di Fidel Castro, che in diretta tv ha liquidato come «spazzatura» la notizia secondo la quale sarebbe uno degli uomini più ricchi del mondo.

Con INSIDER puoi guadagnare in un mese piu’ del tuo stipendio di un anno. Clicca sul
link INSIDER

SETTIMO NELLA CLASSICA DI FORBES – A diramarla il magazine americano Forbes: nel suo palmares 2006 la fortuna del presidente cubano è la settima al mondo, valutata 900 milioni di dollari in conti all’estero. Un patrimonio che supera nettamente la regina Elisabetta la cui fortuna personale ammonta a 500 milioni di dollari. Il leader cubano arriva giusto dopo il principe Alberto di Monaco, che possiede un miliardo di dollari.

FIDEL IN DIRETTA – In diretta tv il lider maximo, punto sul vivo dalle insinuazioni della rivista americana, ha offerto agli Stati Uniti di dimettersi se porteranno le prove di queste affermazioni. «Se provano che ho un conto all’estero, rinuncio al mio incarico, alle funzioni che esercito», ha dichiarato il presidente cubano al termine di una trasmissione speciale di oltre 4 ore, dedicata a rispondere alle insinuazioni di Forbes, definite «infami calunnie» da tutta la stampa ufficiale cubana. «Li sfido tutti, in primo luogo il presidente Bush, questo imbroglione, la Cia, le 33 agenzie di spionaggio degli Stati uniti, le migliaia di banche che ci sono nel mondo. Li sfido tutti. Vediamo se tacciono, adesso», ha ripetuto il presidente cubano, visibilmente collerico.

Copyright © Corriere della Sera per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved