FIAT IN CALO: I SUOI MARCHI ATTIRANO SEMPRE MENO

3 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Fiat è pesante a Piazza Affari, dove lascia due punti percentuali.

Il titolo è partito male fin dalle prime battute della borsa milanese.

E non tanto perché tutto il comparto dell’auto è in flessione, del resto molto più contenuta (l’eurostoxx di settore lascia infatti lo 0,57%) del calo del titolo italiano.

Piuttosto, pesa come un macigno il dato sulle immatricolazioni delle auto nuove a giugno in Italia.

I marchi del Lingotto ne sono usciti malissimo, e questo accentua le luci sulle magagne del gruppo Fiat, sostanzialmente concentrate su Fiat Auto.

A questo proposito nelle sale operative, specialmente dopo le dichiarazioni del presidente Fiat Paolo Fresco al Financial Times di ieri, si è sempre più convinti che Fiat diventerà uno dei tanti marchi europei di General Motors.

Per le quotazioni e i grafici IN TEMPO REALE di tutti i titoli azionari quotati a Piazza Affari, forniti da Borsa Italiana e relativi agli indici Mibtel, Mib30, Nuovo Mercato, Midex, Mibtes, Star, e inoltre per le convertibili, i derivati su titoli, indici (covered warrant) e per l’after hours clicca su Piazza Affari