Fiat, Fiom annuncia atto precetto per reintegro tre operai di Melfi

29 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – “Il giudice di Melfi non e’ entrato nel merito delle modalita’ con cui far rispettare alla Fiat l’ordine del reintegro al lavoro per i tre operai della Sata di Melfi. Cio’ esclusivamente per ragioni di natura processuale, riconducibili al fatto che tale competenza non spetta ad un giudice per il lavoro, ma al giudice dell’esecuzione”. Lo si legge in una nota della Fiom che continua dicendo: “affinche’ la Fiat applichi pienamente il decreto esecutivo emesso lo scorso 10 agosto dal Tribunale di Melfi, che ha condannato l’azienda per comportamento antisindacale e ordinato il reintegro sul proprio posto di lavoro dei tre operai di Melfi, la Fiom ha dato mandato ai propri legali di presentare nei prossimi giorni, cosi’ come indicato dalla odierna sentenza del Tribunale di Melfi, un atto di precetto per avviare l’esecuzione forzata dell’ordine di reintegro nei confronti della Sata di Melfi. Naturalmente la Fiom si riserva, in caso di un reiterato mancato adempimento da parte dell’Azienda di ricorrere al Giudice dell’esecuzione”.