Fiat: CGIL, proposte per Pomigliano contengono norme incostituzionali

14 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Per lo stabilimento di Pomigliano che ben venga l’ investimento annunciato dalla Fiat che crea una garanzia a dell’occupazione. L’azienda deve però riflettere sulla parte dell’accordo proposto al sindacato che può “violare leggi e Costituzione”. Così si eprime, in una nota, la segreteria della Cgil mentre si sta svolgendo il comitato centrale della Fiom, dopo che ha rifiutato di siglare l’intesa con il Lingotto. “La clausola relativa al diritto di sciopero è illegittima perché pretende di trasformare in illecito, passibile di licenziamento, l’esercizio individuale di sciopero, sancito dalla Costituzione.” Si legge nella nota del sindacato che continua così: “ogni firma eventualmente apposta a questa clausola non è semplicemente invalida, è inefficace e inesistente.