Fiat Auto: disdetti tutti gli accordi sindacali a partire dal 2012

21 Novembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Torino – Dopo Confindustria Fiat dice addio ai patti sindacali. La divisione automobilistica del gruppo torinese ha deciso di disdire tutti gli accordi vigenti e “ogni altro impegno derivante da prassi collettive in atto” in tutti gli stabilimenti automobilistici italiani. Le intese perderanno di valore a partire dal primo gennaio 2012.

Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti sindacali. Pur precisando che “vogliono concordare anche condizioni migliorative”, l’intenzione della casa automobilistica e’ chiaramente quella di intensificare lo scontro con i sindacati.

La decisione rappresenta un atto dovuto dopo l’uscita del Lingotto da Confindustria e Federmeccanica a partire dal primo gennaio 2012.

Il segretario della Fiom Landini ha gia’ annunciato di voler passare alle iniziative giuridiche e ha persino lanciato l’ipotesi di fare denunce. Il gruppo sindacalista UILM invece, riconosce di essere stato preso alla sprovvista dalla notizia, ma sottolinea l’intenzione di proseguire la strada delle contrattazioni.

Nelle discussioni che riprenderanno l’anno prossimo “i sindacati dovranno fare in modo che gli operai ottengano un contratto che migliori le condizioni attuali. Di certo la societa’ ha fatto un’azione molto forte, grave”, dice a Rainews 24 Rocco Palombella, Segretario Generale della UILM.