FedEx, conti battono attese ma l’outlook non esalta

16 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Non è bastato alla big delle spedizioni FedEx il ritorno all’utile oltre le attese e il balzo dei ricavi nel quarto trimestre. La compagnia sta infatti cedendo al Nyse oltre due punti percentuali a causa delle proiezioni per il 2011, che vedono un restringimento dei profitti a causa dei costi elevati legati a pensioni, costi sanitarie e spese aeree. L’eps per il nuovo anno è visto a 4,50-5 dollari, a fronte dei 5,05 dollari del consesus. Nel dettaglio, la società ha riportato un utile netto di 696 mln di dollari, pari a 1,33 usd ad azione, rispetto al passivo di 849 mln (2,82 usd/azione) del pari periodo dello scorso anno. Gli analisti si attendevano in media un eps di 1,32 dollari. Bene i ricavi, in aumento del 20% a 9,43 mld di dollari e al di sopra delle stime di mercato. I buoni dati, ha spiegato FedEx, sono il frutto delle ripresa dell’economia mondiale dopo la recente recessione.