FEDERAL RESERVE E UTILI SOSTERRANNO LA RIPRESA

24 Luglio 2001, di Redazione Wall Street Italia

L’azione della Federal Reserve e gli utili societari spingeranno i mercati azionari verso il recupero. E’ l’autorevole opinione di Merrill Lynch.

La banca d’affari sostiene che le ultime dichiarazioni di Greenspan lasciano trapelare che la Fed apportera’ un nuovo taglio dei tassi di interesse nella prossima riunione del 21 agosto (Merrill stima un taglio di 25 punti base) e che lascera’ le porte aperte a eventuali tagli successivi.

Inoltre la politica espansiva attuata fino ad oggi dall’autorita’ monetaria americana, unita alla volonta’ di continuare a sostenere il recupero dell’economia, contribuira’ sicuramente a far ripartire il ciclo.

Un altro sostegno arrivera’ dal taglio delle tasse applicato dal governo Bush.

Per quanto riguarda gli utili societari, gli ultimi bilanci trimestrali hanno confermato un declino degli utili.

I profitti sono scesi di circa il 21% rispetto a un anno fa, in linea con le previsioni di Merrill Lynch, che comunque prevede un progressivo miglioramento in futuro.

Gia’ nel prossimo trimestre la variazione negativa degli utili rispetto all’anno scorso dovrebbe scendere al 15%, mentre il ritorno ad una crescita anno-su-anno e’ atteso per il primo trimestre del 2002.

In generale Merrill Lynch rimane piu’ ottimista rispetto alla Fed circa l’andamento dell’economia nel 2002: le proiezioni dell’autorita’ di politica monetaria americana sono di una crescita del prodotto interno lordo 2002 tra il 3% ed il 3,25%, con un’inflazione tra l’1,75% e il 2,5%. Merrill Lynch invece stima un Pil vicino al 4% e un’inflazione piu’ contenuta, intorno all’1,5%.