Fed, gli interventi di stimolo sono un flop: un grafico crudele ma veritiero

29 Aprile 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Le misure straordinare messe in atto dalla Federal Reserve per dare un’accelerata alla ancora fiacca ripresa economica degli Stati Uniti non sono state la panacea che si sperava.

E’ difficile trovare anche un solo fattore che corrobori la tesi secondo cui il piano di acquisto di $600 miliardi di titoli di stato a lunga scadenza sia un successo, o per lo meno abbia avuto un qualche effetto positivo. La crescita economica e’ calata di intensita’ da quando il programma ha preso il via nel terzo trimestre del 2010.

La Fed continua a negare le tesi di chi sostiene che il programma sia stato un fallimento, avendo esso provocato piu’ danni che vantaggi. Anche se non si puo’ dire chi abbia torto o ragione, il mero fatto che il dibattito c’e’ e sia aperto dovrebbe essere sufficiente a servire da avvertimento per la Fed. Un monito che recita a chiare lettere: “basta con le politiche sperimentali”.

Se si guarda ai dati puri e crudi, il programma non sta facendo bene all’economica e non puo’ farlo in questo contesto. Il vero problema riguarda la dimensione e non il prezzo. Per chiunque ne capisca qualcosa di come funzionano i sistemi bancari moderni, non ci sono dubbi.