Fazio-Saviano: quasi 10 milioni di telespettatori, nuovo record

23 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

E’ ancora un record per ‘Vieni via con me’. La terza puntata del programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano, ieri sera su Raitre, è stata vista da 9 milioni 670 mila telespettatori, con uno share del 31.60%. Finora per il programma è stato un crescendo di ascolti: la puntata d’esordio con Benigni, l’8 novembre, è stata seguita da 7 milioni 600 mila ascoltatori, con il 25,48% di share. La seconda da oltre 9 milioni di spettatori (30.21% di share), con punte di 10 milioni durante i monologhi del presidente della Camera Gianfranco Fini e del leader Pd Pierluigi Bersani.

di Angela Majoli – Ansa

Le affermazioni di Roberto Saviano secondo cui la ‘ndrangheta al Nord interloquisce con la Lega ”sono ingiuste ed offensive per tutti quelli che come me combattono ogni forma di illegalita’ ”. E’ la replica del ministro dell’Interno Roberto Maroni, che stasera e’ a Vieni via con me per ribadirlo davanti al pubblico del programma. E per farlo legge in studio il suo elenco e mette in fila i successi del governo nella lotta contro le mafie.

Ma e’ anche la serata di Corrado Guzzanti, con una sfilza impressionante di freddure a tutto campo, da Berlusconi al Papa. E dell’affondo dell’autore di Gomorra sull’emergenza rifiuti in Campania: una crisi di cui, attacca Saviano, il premier ha annunciato la fine ”solo negli ultimi due anni per sette volte”. La cattura dei superlatitanti e’ in cima all’elenco di Maroni, con ”28 superboss presi e messi al carcere duro”: ne mancano ”solo due, Matteo Messina Denaro e Michele Zagaria”, ma attorno a loro ”il cerchio si sta stringendo”.

E poi l’aggressione ai patrimoni della criminalita’ organizzata e il contrasto al suo insediamento territoriale, con la ”sfida epocale” di impedirne l’aggressione all’economia sana. Ma se e’ vero che la ‘ndrangheta ”e’ presente al nord da almeno tre decenni, non e’ una novita”’, l’affermazione secondo la quale la ‘ndrangheta al nord interloquisce con la Lega, ”oltre che essere ingiusta ed offensiva, e’ smentita dalle recenti operazioni fatte in Lombardia (Cerberus, Parco Sud, Crimine e Infinito) che hanno fatto emergere il coinvolgimento e in alcuni casi hanno portato all’arresto di esponenti di altri partiti. Mi chiedo allora – dice – perche’ citare proprio e solo la Lega”. In attesa dell’intervento di Maroni, la serata si apre con la solidarieta’ alla protesta dello spettacolo contro i tagli: Luca Zingaretti legge l’elenco scritto da Andrea Camilleri per dimostrare che ”con la cultura si mangia”.

Dopo i vantaggi della vecchiaia secondo Carlo Fruttero, la parola passa a Saviano. ”Il Sud – e’ l’affondo dell’autore di Gomorra – e’ da anni la pattumiera del Nord Italia”, ”lo sversatoio dei rifiuti tossici” e dunque quei politici del Nord che non vogliono saperne nulla ragionano ”da codardi, miopi e in malafede”. Contro un’emergenza che dura da anni ”hanno fallito tutti, centrodestra e centrosinistra”, attacca ancora Saviano, che poi passa il microfono a Gabriele Salvatores per elencare le sette volte in cui Berlusconi ha annunciato la fine di una crisi che e’ ancora sotto gli occhi di tutti.

Altro momento clou di Vieni via con me e’ il ritorno di Corrado Guzzanti: applauditissimo, con la sua satira a tutto campo graffia Berlusconi (”Corrompe dei senatori: mi hanno detto che erano maggiorenni”), Bossi (”Anche Bossi chiama in questura, ma hanno capito solo Mubarak”), il Pd (”E’ il primo partito a fare le primarie, e il primo che le perde”), il Papa (”Condona l’uso dei condom in casi particolari: ci sono notti in cui fa veramente freddo”). Al sorriso sarcastico dell’attore si alternano la malinconia di Ilaria Cucchi, che legge le cose belle che ricorda del fratello Stefano, e l’amarezza di Manlio Milani, presidente dell’associazione familiari delle vittime della strage di piazza della Loggia, che ne elenca i nomi.

C’e’ spazio anche per l’immigrazione, con Harun Javeid, uno degli operai appena scesi dalla gru a Brescia, che racconta di aver portato con se’ ”la fede in Dio, perche’ solo Dio ci poteva aiutare” e con Ivano Fossati che canta Mio fratello che guardi il mondo; per Renzo Piano che spiega cosa vuol dire ”fare” e invita i giovani ”ad andar via, per curiosita’, e poi tornare”; per l’handicap raccontato dal comico disabile David Anzalone. E poi ci sono le donne: Emma Bonino elenca le cose che passano sui corpi femminili, Susanna Camusso i pensieri delle donne che lavorano, Laura Morante le cose che le donne non vogliono piu’ sopportare.

Il finale e’ ancora il gioco a due tra Fazio e Saviano. ”Vado via perche’ sento che tra un attimo saranno tutti antiberlusconiani”, dice Fazio. ”Resto qui perche’ voglio scoprire che cosa aveva da ridere Antonio Jovine quando lo hanno arrestato”, replica Saviano. ”Resto qui perche’ Masi mi ha telefonato e mi ha detto che faremo altre quattro puntate”, incalza l’autore di Gomorra. ”Resto qui perche’, anche se Masi non mi ha telefonato, mi ha detto che ne dovremmo fare altre otto”, ironizza Fazio.