FASSINO: SE CONTINUA COSI’ SIAMO FRITTI

29 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 29 mag – “Un campanello d’allarme per il governo”: così il segretario dei Ds Piero Fassino, in un’intervista pubblicata oggi su “Repubblica”, commenta le elezioni provinciali e comunali che hanno visto il centrodestra guadagnare consensi. “I cittadini vedono la politica distante e lenta, leggono le divisioni sui Dico e il tesoretto. Sarkozy ha fatto il governo in 48 ore, con soli 15 ministri. E quanto male hanno fatto i rifiuti in Campania”, spiega Fassino facendo il punto sui fattori che hanno motivato l’arretramento in termini di voti dell’Unione. Fassino poi analizza la sconfitta al nord: “Il nord-est non ci chiede quando scegliamo la guida del Pd ma quando riduciamo le tasse. Se pensiamo di risolvere i problemi sollevati con la questione della leadership siamo fritti”.