EVACUATA PER ALCUNE ORE LA CASA BIANCA

20 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

ESTERI

Attimi di terrore, poi tutto viene chiarito: un errore di rotta

Evacuata per alcune ore la Casa Bianca

Un aereo si dirige verso la residenza del presidente. Un caccia lo intercetta. Per precauzione l’edificio è stato sgomberato.

WASHINGTON (USA) – Ore di terrore alla Casa Bianca. Il Servizio segreto ha imposto l’evacuazione dell’edificio questa notte a causa di un aereo sospetto che stava dirigendosi verso la residenza del presidente degli Stati Uniti.

LA VICENDA – L’aereo che ha fatto scattare l’allarme alla Casa Bianca, provocandone l’evacuazione, sia pure per breve tempo, era entrato per errore nello spazio aereo proibito.
Il presidente George W. Bush non sarebbe mai stato in nessun modo in pericolo.

L’aereo, un monomotore, era diretto a Raleigh, nella Carolina del Nord. Gli F-16 si sono levati in volo e lo hanno scortato fino all’aeroporto di Richmond, in Virginia, dove il pilota è stato sottoposto ad accertamenti. A quanto si è appreso, il presidente Bush, che partecipava in città a una raccolta di fondi per il Partito repubblicano, è rientrato alla Casa Bianca giusto in tempo per il cessato allarme. Il presidente, secondo una fonte anonima riportata dall’agenzia Reuters, sarebbe rimasto nelle sue stanze e non è stato fatto scendere bel bunker sotterraneo.

Sempre a Washington, qualche ora prima era stata evacuata anche la Federal Reserve per il ritrovamento di tre pacchi sospetti.