Eurozona, indice PMI torna a crescere dopo fase rallentamento

22 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Buone nuove giungono dall’economia europea, dove si rileva a luglio un miglioramento dell’attività nel settore manifatturiero e dei servizi. L’indice PMI composito dell’Area Euro risale infatti a 56,7 punti, sui massimi dell’ultimo trimestre, grazie al miglioramento del settore dei servizi a 56 punti e della manifattura a 56,5 punti. Aumenta la crescita della produzione dopo due mesi di rallentamenti, mentre l’occupazione cresce al ritmo più rapido da oltre due anni. Rallenta invece la crescita delle esportazioni. A luglio recupera anche il PMI della Francia, con un indice composito che si attesta a 59,9 punti dai 59,6 precedenti, sui massimi degli ultimi due mesi, grazie al contributo dei servizi il cui indice sale a 61,3 punti dai 60,8 precedenti. Rallenta invece l’attività nel settore manifatturiero, con un indice che cala a 53,7 da 54,8 punti sui minimi degli ultimi dieci mesi. Il settore dei servizi aiuta anche la Germania. L’indice PMI composito sale sui massimi dell’ultimo trimestre a 59,3 punti dai 56,7 precedenti, grazie all’accelerazione dell’indice dei direttori acquisto nei servizi, che balza sui massimi da quasi tre anni a 57,3 punti. Migliora anche lo stato della manifattura con un PMI che sale a 61,2 punti.