Europa: prima seduta della settimana in rosso

19 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Chiusura in rosso per l’Europa che avvia la settimana con toni dimessi. I mercati del Vecchio Continente, che erano partiti in un clima negativo, hanno progressivamente recuperato terreno nel corso delle trattazioni antimeridiane, ribaltando il bilancio della mattinata. Tutto ciò però non è bastato per i listini europeri a porate a casa un risultato positivo. A deprimere il sentiment degli investitori le notizie derivanti d’oltreoceano. La borsa di Wall Street nel pomeriggio dopo un avvio al rialzo è stata appesantita dall’unico dato della giornata che ha influenzato l’umore anche degli investitori europei. L’indice NAHB sul mercato immobiliare ha evidenziato a luglio un peggioramento a 14 punti dai 16 rivisti del mese di giugno. Il valore che è il più basso da aprile 2009, ha fatto sgonfiare i guadagni dei listini italiani che comunque ancora mantengono il segno più. Sul mercato valutario, l’euro avanza nei confronti del biglietto verde e si attesta a 1,2966 dollari. In rialzo anche il petrolio con le quotazioni sopra i 76 dollari al barile. Bruxelles ha chiuso con un ribasso dello 0,46% a 2431,56 punti, Zurigo con un decremento dello 0,46% a 6155,99 punti, Parigi scivola dello 0,4% a 3486,33 punti ed Amsterdam dello 0,61% a 322 punti. Giù anche Francoforte -0,52% a 6009,11 punti, Londra -0,2% a 5148,28 punti e Madrid -0,62% a quota 9929,8.