EUROPA DELL’EST:
I PAESI A RISCHIO E LE AZIENDE PIU’ ESPOSTE

1 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Rischia di essere una nuova tempesta, che si va a sommare al quadro già di per sé cupo dell’economia e della finanza mondiali. Lo smottamento dei Paesi dell’Est Europa, al centro del vertice Ue di domenica, è una situazione assai grave. Basta scorrere qualche indicatore macro-economico di quell’area per renderesene conto.


Secondo un recente studio di Credit Suisse nella classifica dei Paesi a più alta vulnerabilità ben 9 Stati sui primi 14 appartengono proprio a quella fetta di mondo. Bulgaria, Lituania ed Estonia dovrebbero mostrare quest’anno un deficit corrente assai pronunciato. Attestato al 18% del Pil per la Bulgaria; al 15% per la Lituania e al 5% per l’Estonia. Anche Romania e Lettonia vedranno i loro conti dissestati con una stima per il 2009 di un buco delle partite correnti equivalente all’11% per la Romania e del 6% per il paese baltico.

Mercati mai stati cosi’ difficili. Ma hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Ungheria, Polonia, Ucraina dovrebbero attestarsi su un deficit del 4-5%. Ma non è solo la condizione dei conti pubblici a preoccupare. Queste economie risentono profondamente del contributo estero alla crescita del prodotto interno. Basti pensare che in media l’area deve agli investimenti oltre frontiera il 50% della ricchezza prodotta con i picchi dell’Ungheria dove il contributo derivante dall’estero conta per il 99% del Pil. E la caduta impressionante delle valute locali ha, secondo gli analisti di Credit Suisse, ulteriormente accresciuto questa dipendenza che sfora ormai quota 134% per l’Ungheria, arriva al 69% per la Romania e al 77% per la Polonia.
Escludendo la Russia, l’ammontare delle risorse estere per l’area dell’Europa dell’Est tocca la cifra dei mille miliardi di dollari, di cui 200 miliardi in scadenza nel corso del 2009.

Non solo. La tenuta del Pil è in forte contrazione. Per l’area Emea le stime indicano per il 2009 una riduzione della crescita dall’1,6% precedentemente stimato a solo lo 0,4% con Ungheria, Turchia e Ucraina che soffriranno assai più della media. Se il quadro macro-economico appare in violento deterioramento è ovvio che si valutino le conseguenze per gli investitori. Gli analisti di Credit Suisse giudicano il quadro delle Borse per l’immediato futuro particolarmente preoccupante e consigliano di stare lontani da quelle società che hanno un parte importante del loro giro d’affari realizzato in quei Paesi (vedi tabella sotto).


Nell’elenco di chi rischia di più, per il forte peso nell’area, figura il Gotha della finanza e dell’industria dell’Europa Occidentale. Da Erste Group la capofila con il 65% dei suoi ricavi che vengono dall’Est alle Telecom con il drappello di Telekom Austria; Telenor; TeliaSonera fino a Deutsche e France Telecom rispettivamente con il 25% dei ricavi e il 17%. Tra le banche spicca Allied Irish (35% dei ricavi fatti nell’Est Europa) l’italiana Unicredit con il 32% del giro d’affari che proviene dall’area seguita da Dexia (14%); Seb e IntesaSanpaolo (12%). Nutrita la pattuglia dei titoli automobilistici con Renault al primo posto: fattura il 20% dei suoi ricavi nell’Est del Continente. Volkswagen, Peugeot e Fiat seguono con cifre intorno al 10%.


Nella tabella sono indicate e la percentuale di ricavi realizzati nell’Est Europa sul totale dei ricavi

Erste Group Bk 65%

Telekom Austria 39
Telenor Asa 39
Teliasonera 39
Allied Irish Bank 35
Unicredit 32
Deutsche Telekom 25
Renault 20
France Telecom 17
Henkel 15
Groupe Danone 15
Dexia 14
Seb 13
Tesco 13
Intesa Sanpaolo 12
Baiersdorf 12
Volkswagen 11
Sandvik 10
Peugeot 9
Fiat 9

Copyright © Il Sole 24 Ore. All rights reserved