EURO RIAGGUANTA 1,30 USD. E I RENDIMENTI DEI TITOLI GRECI CROLLANO

10 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Prosegue e si rafforza il vigoroso recupero dell’euro sul mercato dei cambi, che a metà mattina è arrivato a superare quota 1,30 dollari laddove nei giorni scorsi, nelle fasi di maggiore tensione era arrivato a calare sotto quota 1,27.

Attorno alle 10 italiane la divisa dell’unione a 16 si attesta a 1,3040 dollari, mentre venerdì scorso in serata si attestava poco sopra 1,29 al termine di una seduta ad elevata volatilità, che lo aveva visto ridiscendere sotto 1,27 dollari.

Tutto merito del piano varato nel week end dall’Unione europea, che ha restituito fiducia, almeno per ora, agli operatori, spaventati la scorsa settimana da un rischio contagio della crisi greca ad altri paesi Piigs.

L’allentarsi della tensione è evidente. I rendimenti dei titoli greci sono infatti ancora in picchiata, e lo spread dei titoli decennali di Atene sul bund tedesco è crollato di 600 punti, a 363 punti base.