Euro: fondo salva stati rischia di rimanere a secco

19 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Con la posticipazione della data dell’introduzione del nuovo meccanismo permanente di aiuti europeo (MES), si rishia che il fondo temporaneo salva stati EFSF rimanga a secco di fondi sul breve termine.

A lanciare l’allarme sono gli analisti dell’istituto Bank of America Merrill Lynch, che in una nota scrivono che il “problema principale e’ che dopo aver dispensato il denaro promesso alla Spagna per ricapitalizzare il suo sistema bancario, il fondo EFSF rimarra’ con soli 150 miliardi a disposizione”.

Non e’ una somma sufficiente a mettere al sicuro i paesi della periferia nel caso di un eventuale nuovo ampiamento degli spread tra i rendimenti della Germania e quelli di Italia e Spagna.

Roma e Madrid rischiano di non riuscire a rifinanziarsi sui mercati. “Negli ultimi anni la Spagna ha emesso in media 10 miliardi di euro al mese e l’Italia venti”, ricorda il team di tecnici della banca Usa.