Mercati

Estonia: forse un nuovo rinvio per l’euro

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

L’Estonia, paese baltico che non è riuscito a mantenere gli impegni per adottare l’euro alla fine dell’anno, potrebbe registrare un nuovo rinvio, perché il caro-greggio, giunto a livelli record, ha spinto la crescita dei prezzi al consumo. Lo ha detto a Bloomberg News il governatore della banca centrale Andres Lipstok, che tuttavia definisce realistico il nuovo termine del 2008 per l’ingresso nella moneta unica. Il timore che l’acuirsi dei combattimenti in Medio Oriente possa minacciare le forniture di greggio ha fatto salire oggi i prezzi per il quinto giorno consecutivo. Il barile ha segnato un record di $78,40 al barile il 14 luglio. La varietà Brent per consegna a settembre quota $76,14 alle 12.25 locali a Londra.