Essere ottimisti, perchè conviene

13 Novembre 2021, di Leopoldo Gasbarro

Siamo ottimisti o pessimisti? Guardiamo al futuro con fiducia, attenzione e positività o siamo assillati da migliaia di punti interrogativi? Siamo condizionati talmente tanto dal futuro da non goderci neanche il presente, oppure godiamo del presente immaginando un domani ancor più sereno per le nostre vite?

Cosa significa essere ottimisti o pessimisti? Nel mondo della filosofia, un ottimista è una persona che crede che il bene alla fine prevalga sul male e che il nostro mondo stia andando nella giusta direzione. Un pessimista è esattamente l’opposto. E’ qualcuno che pensa che il male alla fine vinca sempre e che il mondo è condannato. È solo questione di tempo prima che ci autodistruggiamo.

Credo che la maggior parte di noi abbia tendenze sia ottimistiche che pessimistiche. Ad esempio, molte persone hanno una visione molto oscura del futuro della tecnologia o del clima. Quelle stesse persone potrebbero cambiare atteggiamento nel momento in cui si fa riferimento ad energia verde o all’educazione del corretto uso della tecnologia.

Se cerchi il male, lo troverai

Se guardi alla storia dell’umanità, vedrai violenza, guerra, ingiustizia, disuguaglianza, dolore, tortura, carestia, tutte cose negative. Fa parte del nostro DNA. I nostri antenati hanno fatto cose cattive. Se credi che il mondo sia cattivo, non avrai difficoltà a trovarne le prove. C’è ancora tanta sofferenza nel mondo. Ma ecco che arriva il colpo di scena: c’è meno sofferenza rispetto a cento anni fa.

Il mondo non è affatto perfetto, ma è un po’ meglio che in passato. Solo un po’. E quel piccolo miglioramento è il caso preso in esame dall’ottimista. Anche se non sappiamo esattamente quante persone sono nate ottimiste rispetto a quelle nate pessimiste, presumo che quest’ultimo gruppo sia la maggioranza.

Quando la vita è dura, tendi a cadere in un ciclo negativo discendente. Quando sembra che succedano cose brutte a te e alle persone della tua vita, è difficile immaginare che le cose possano andare bene. Hai bisogno di una buona ragione per cambiare completamente la tua visione della vita.

Essere ottimisti migliorerà la tua vita

Questa ragione è la promessa di un futuro migliore. Quando vedi esempi di persone che hanno fatto qualcosa per se stesse dal nulla, ne hai le prove. Puoi costruire una buona vita. Puoi educarti a farlo. Ma devi credere che il mondo sta andando nella giusta direzione. Come dicono gli investitori, devi essere rialzista sul futuro. 

Uno dei motivi principali per cui Warren Buffett ha successo non è perché è il miglior selezionatore di titoli al mondo. È un buon selezionatore di titoli, ma più di ogni altra cosa è ottimista e paziente, una combinazione di tratti della personalità che non molte persone possiedono.

Mentre molti altri investitori globali urlano fuoco e mettono in guardia il mondo su gravi incidenti e mercati orso secolari, Warren Buffett è stato ottimista per la sua carriera di (quasi) 80 anni. E sin dagli anni ’90, quando ha iniziato a ricevere fama mondiale, ha ripetuto pubblicamente una cosa: “Non scommettere mai contro l’America“.

All’assemblea annuale degli azionisti del 2020 della sua azienda Berkshire Hathaway, al culmine della pandemia globale di Covid, ha ribadito lo stesso messaggio. Buffett ha trascorso la prima parte dell’incontro parlando di tutte le cose buone che sono successe.

 

Gli ottimisti si comportano diversamente

Ogni investitore a lungo termine è ottimista. Altrimenti, perché investire i tuoi soldi in beni reali? Quando adotti una prospettiva ottimistica sul mondo, ti comporti in modo diverso. Hai fiducia nel futuro, quindi investi nella tua istruzione, mantieni la tua salute e investi costantemente in risorse . Ti rendi conto che il mondo continua a migliorare e non vuoi essere lasciato indietro.

È un modo di vivere completamente diverso. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito a molte crisi, dalle guerre al collasso finanziario, fino a una pandemia globale. E gli umani come gruppo hanno continuato a migliorare durante tutte queste sfide. Non ci vuole molta immaginazione per rendersi conto che continueremo a migliorare.