Eni inizia produzione al largo della costa marchigiana

6 Aprile 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Eni annuncia lo start up della produzione della piattaforma offshore a gas “Annamaria B”, nella concessione A.C11.AG (eni operatore 90%, Ligestra 10%). La produzione – attualmente di circa 800 mila metri cubi al giorno e che a regime arriverà a circa 1,2 milioni di metri cubi al giorno (7500 barili di olio equivalente) – viene inviata tramite una condotta sottomarina di circa 70 chilometri alla centrale di trattamento di Fano per essere immessa nella rete nazionale di distribuzione. Le riserve certe più quelle probabili di gas sono pari a circa 10 miliardi di metri cubi (circa 64 milioni di barili di olio equivalente). Lo si legge in una nota. Il giacimento “Annamaria” si estende fra l’Italia e la Croazia ad una distanza di 60 chilometri dalla costa ad una profondità d’acqua di circa 60 metri: si tratta del primo giacimento transfrontaliero messo in produzione in Adriatico e l’accordo per l’unitizzazione e lo sviluppo congiunto è stato ratificato dai governi croato e italiano nel luglio 2009. Nel giacimento è già operativa la piattaforma gemella “Annamaria A”, posta in acque croate, operata da InAgip (società paritetica INA ed eni) e che produce circa 800 mila metri cubi al giorno. Annamaria, il più importante campo a gas messo in produzione dal 1998, è stato interamente sviluppato da aziende italiane e croate con commesse per un totale di circa 420 milioni di euro. Le piattaforme sono state costruite da un consorzio costituito da Rosetti Marino, Saipem Energy Services e Intermare Sarda nelle yard di Marina di Ravenna, Arbatax e Rijeka in Croazia. Eni in Italia produce complessivamente circa 242,000 barili di olio equivalente al giorno.