ENERGIA EOLICA AL 16% IN EUROPA ENTRO IL 2020

8 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Milano, 8 mag – L’energia eolica potrebbe generare fino al 16% dell’elettricità europea entro il 2020. Questo il messaggio lanciato alla Conferenza Europea sull’energia eolica, in corso di svolgimento a Milano, da Arthouros Zervos, presidente della European Wind Energy Association. La politica energetica e la salvaguardia del clima sono stati al vertice dell’agenda del Consiglio di primavera a Bruxelles lo scorso marzo, dove i capi di stato e di governo hanno fissato l’obiettivo al 20% per risorse rinnovabili al 2020. Secondo Peter Ahmels, presidente della Conferenza e della German Wind Energy Association, “se l’obiettivo europeo sarà raggiunto, più di un terzo dell’energia in Europa deriverà da risorse rinnovabili entro la fine del prossimo decennio. E’ l’invio di un segnale politico chiaro. Non di meno potrebbe essere l’inizio di una nuova rivoluzione industriale”. Fabrizio Fabbri, capo della segreteria tecnologica al Ministero per l’ambiente, ha sollevato il problema del consenso pubblico come il maggior ostacolo per l’Italia: “Se vogliamo raggiungere l’obiettivo europeo , è cruciale persuadere la popolazione che abbiamo fortemente bisogno dell’energia eolica”. Ai lavori di Milano partecipa anche una delegazione cinese di 80 persone. “Credo che la Cina diventerà presto il paese a più forte crescita per quanto riguarda l’energia eolica”, ha detto Shi Lishan, direttore delle Energie Rinnovabili al Chinese Energy Bureau.