Enel non reagisce a Nomura, negativa anche su utilities europee

10 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Ultimo giorno si sessione all’insegna della volatilità per la maggior parte delle utilities quotate a Piazza Affari. Piuttosto indeciso anche l’intero comparto europeo, con Nomura International che ne ha tagliato la view a “bearish” dal precedente “neutral”. Enel, si muove a Piazza Affari tra il segno più e quello meno mostrando al momento un leggero incremento dello 0,13% a 3,7925 euro. La stessa Nomura si è espressa anche sul gruppo guidato da Fulvio Conti, reiterando il giudizio sul titolo a “reduce”. La controllata Enel Green Power ha da poco annunciato di aver ottenuto dal BEI un prestito da 400 mln di euro a condizioni vantaggiose proprio grazie alla garanzia di Enel. L’AD Conti, parlando a margine del World Energy Outlook 2010, ha confermato gli obiettivi per quanto riguarda i livelli di indebitamento al 2010. Il passivo è visto ancora a 45 mld di euro nonostante gli introiti minori del previsto derivanti dall’Ipo della Green Power. Tra le altre principali utilities A2A viaggia in deciso controtrend mostrando un sicuro +1,44% a 1,059 euro. Bene anche Snam Rete Gas +0,47% e Edison +1,09% a 0,9275 euro, mentre Acegas-Aps si accontenta di un +0,33% a 3,8325 euro. In rosso Acea -0,86% a 8,645 euro, ma fa peggio ACSM-AGAM che scivola con un calo del 3,17% a 1,068 euro.