ELEZIONI USA: LA FLORIDA VUOLE FORZARE I TEMPI

13 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

E’ iniziata a Palm Beach la conferenza stampa delle autorita’ elettorali della Florida. Attesa per domani pomeriggio la certificazione dei voti nella contea e sabato pomeriggio la proclamazione del vincitore.

Il segretario di stato della Florida, Katherine Harris, ha scelto di non partecipare alla conferenza stampa, lasciando che a comunicare la decisione fosse il presidente del comitato elettorale, giudice Charles Burton.

Questa la tabella di marcia con cui lo Stato della Florida intende procedere:

– domani pomeriggio alle 17 certificazione dei voti in base al risultato ottenuto con il secondo conteggio automatizzato senza tenere conto delle discrepanze evidenziate dalla verifica effettuata con il conteggio manuale;

– sabato 18 entro le ore 12, certificazione dei voti dei cittadini residenti all’estero pervenuti via posta;

– sabato 18, nel pomeriggio, procamazione del vincitore.

Un autorevole commentatore politico del network televisivo CNN, Mike Boettcher, ha commentato: “Il comitato elettorale della Florida sta prendendo una solenne cantonata, scambiando le proprie personali opinioni con la legge”.

A questo punto solo l’ordinanza di un tribunale puo’ far deragliare dalla corsia preferenziale la conclusione di uno scontro elettorale senza precedenti nella storia degli Stati Uniti. Gli avvocati, sia sul fronte democratico che su quello repubblicano, sono al lavoro.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA