ELEZIONI USA: CONTINUARE CONTEGGIO MANUALE

13 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il tribunale federale della Florida ha respinto la richiesta del partito repubblicano tesa a bloccare il conteggio manuale delle schede nella contea di Palm Beach.

Il giudice distrettuale Donald Middlebrooks ha dichiarato infatti che sospendere la verifica manuale delle schede non e’ di competenza federale.

“Mentre posso condividere la finalita’ che ha ispirato questa azione legale- ha detto agli avvocati di George W. Bush – non ritengo tuttavia che la finalita’ di pervenire a un equo risultato in tempi brevi sia servita chiedendo l’intervento di una corte federale”.

La decisione del giudice, secondo gli osservatori, rischia pero’ di aumentare ulteriormente la confusione: il segretario di stato della Florida ha infatti deciso di non aspettare che il conteggio manuale sia completato e intende procedere alla certificazione dei voti, secondo il conteggio automatizzato, domani pomeriggio alle 17.

Per bloccare la certificzione dei voti, occorre a questo punto che si pronunci un tribunale di stato, competente sulle leggi elettorali della Florida.

Una decisione e’ attesa sempre per domani, nel primo pomeriggio.

Dopo il secondo conteggio automatico in Florida, Bush avrebbe – secondo l’Associated Press – un vantaggio di 388 voti sul candidato democratico Gore.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA