ELEZIONI USA: BUSH SEGNA UN PUNTO IN TRIBUNALE

17 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Un tribunale di primo grado ha convalidato la decisione del segretario di stato della Florida, Katherine Harris, di non accettare i voti contati manualmente in alcune contee.

Il giudice Terry Lewis ha infatti ritenuto che Harris abbia “esercitato correttamente il proprio potere discrezionale”.

La sentenza rischia di aprire un conflitto di giurisprudenza poiche’ proprio ieri sera la Corte suprema della Florida aveva autorizzato la verifica manuale delle schede.

Alcuni esperti di diritto fanno notare che la contraddizione e’ solo apparente: gli scrutatori contino pure le schede a mano, liberi di farlo come sostiene la Corte suprema della Florida, libero il segretario di stato, Katherine Harris, di non tenerne conto.

Un capolavoro di arte del possibile secondo i cavilli dei codici, ma una decisione destinata – secondo gli osservatori politici – ad aumentare la confusione e ad alzare il livello dello scontro.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA