ELEZIONI USA: BUSH IN TESTA PER 300 VOTI SU GORE

15 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Nel conteggio ufficiale che sta facendo seguito alle ultime decisioni prese dai giudici e dal segretario di Stato della Florida, il candidato repubblicano George W. Bush e’ in testa di 300 voti rispetto al vicepresidente Al Gore, candidato democratico.

Il drammatico stallo che ha tenuto il mercato finanziario col fiato sospeso potrebbe dunque essere alla fine. Dalla situazione attuale, a meno di colpi di scena, dovrebbe avvantaggiarsi – secondo quanto osservano gli analisti politici di Washington – George Bush. Il motivo: il conteggio manuale in tutte le contee avrebbe favorito invece Gore.

Come e’ noto, il candidato che vincera’ la Florida vincera’ le elezioni presidenziali e sara’ l’inquilino della Casa Bianca per i prossimi quattro anni.

Il segretario di Stato Katherine Harris ha chiesto anche che il conteggio finale avvenga entro e non oltre le 2:00 pm (le 20:00 ora italiana) di mercoledi’ 15 novembre.

Il presidente degli Stati Uniti sara’ nominato pero’ non prima di sabato, quando saranno completati i conteggi dei cittadini Usa che hanno votato dall’estero.

Per una copertura completa vedi ELEZIONI USA:
SPECIALE WALL STREET ITALIA