ELEZIONI USA: AMERICA SPACCATA IN DUE

30 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

In un sondaggio New York Times/Cbs News, gli americani hanno idee opposte sull’esito delle elezioni, secondo le appartenenze ai due partiti. Ma per il 42% Gore deve gettare la spugna, mentre solo il 3% afferma lo stesso di Bush.

Il sondaggio e’ stato condotto su un campione rappresentativo di 1.012 adulti.

Secondo i risultati della ricerca, una delle questioni cruciali e’ la legittimita’ che i cittadini affidano all’eletto; mentre tra i fautori di Al Gore 4 su 10 sono disposti a dichiarare che se Bush fosse eletto presidente lo considerebbero il leggitimo vincitore, soltanto 2 su 10 tra gli elettori di George W. Bush dicono la stessa cosa di Gore.

Piu’ in dettaglio, alla domanda: ”ritenete che i risultati certificati dalla Florida siano corretti e accurati?” il 47% degli interpellati ha risposto ”no”, e il 47% ha risposto ‘si” (il 6% ”non so”), il che equivale a una totale spaccatura degli americani.

Alla domanda: ”cosa pensate del fatto che l’America non abbia ancora un presidente?”: il 49% ha risposto ”non e’ un problema”, mentre il 48% ha risposto ”e’ un problema serio per il paese”, anche qui confermando la spaccatura in due degli americani (con il 3% incerto).

Infine alla domanda: ”pensate che uno dei due candidati debba abbandonare la corsa o e’ troppo presto”?, il 42% ha risposto ”si’, Gore”, il 48% dice ”no, e’ troppo presto”, il 3% ha risposto ”si’, Bush”, e infine il 7% e’ incerto.