Elezioni Ue, sondaggi: Lega primo partito, tracollo PD. Cala anche M5S

22 Febbraio 2019, di Alessandra Caparello

La Lega supera ancora il M5S e si qualifica primo partito. Secondo un sondaggio realizzato da Quorum per la trasmissione Il Confine su SkyTg24 il 57,2% degli elettori italiani sa già cosa votare alle prossime europee di maggio contro il 33,2% che invece h deciso che non voterà. L’astensionismo tocca il 9,6 per cento.

La prima forza politica è ancora la Lega che ottiene il 32,9% dei consensi mentre perde voti il M5S  -2,3% scendendo al 24,3 per cento. La Lega non ha rivali neanche secondo il sondaggio realizzato da Agi secondo cui in due settimane, il Carroccio guadagna circa un punto e mezzo (+1,4%) portandosi ad un nuovo valore record: il 33,5%, una percentuale finora mai toccata dal partito di Salvini.

Nell’opposizione se la passa male il PD che scende al 18%. In merito al listone PD e agli altri partiti antisovranisti con Carlo Calenda in testa che prenderà il nome di Siamo Europei, l’80% degli intervistati dichiara che non voterà per loro. A pesare potrebbe essere stato nell’ultima settimana anche il caso dell’arresto dei genitori di Matteo Renzi, per bancarotta fraudolenta. Crescono invece altri partiti in quota centrodestra come Forza Italia e Fratelli d’Italia, rispettivamente al 10,3 e al 5,1%.

Nel sondaggio si chiede agli elettori quanto credono possa durare il governo Conte. Diminuiscono i giudizi positivi che un mese fa erano al 41% contro il 39,5 di oggi. Soddisfatti gli elettori della Lega (93,5%) e del M5S (95,9%). Infine uno sguardo all’economia: per l’81 per cento degli intervistati la responsabilità della poca crescita economica è dell’Italia, mentre un terzo degli elettori leghisti e pentastellati crede che la colpa sia di fattori esterni.