ELEZIONI: BORSA ACCELERA (+0,86%), CALA MEDIASET

10 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari allunga il passo e guida i rialzi tra le piazze finanziarie europee, dopo che aveva rallentato di misura all’uscita dei primi exit poll. Il Mibtel avanza dello 0,86% a 29.735 punti, mentre lo S&P/Mib guadagna l’1,07% a quota 38.397. Penalizzate Mediaset e Mondadori, controllate della famiglia Berlusconi. “Il primo impatto degli exit poll – dice infatti un operatore – si è visto sui titoli Mediaset che si sono portati in calo (cedono ora lo 0,73% a 9,795 euro, dopo un minimo alle ore 15 a 9,69 euro) sui timori di una modifica della legge Gasparri.

Una reazione – dice il trader – si è vista anche su Mondadori (cede ora lo 0,24% a 7,96, dopo un minimo a 7,885). E un po’ di vendite si sono viste poi sui business legati alle concessioni pubbliche, soprattutto su Autostrade (-0,46%), mentre anche Enel ha rallentato (+0,65%). Per ora l’impatto appare limitato a operazioni di trading, è ancora presto per dire come sta reagendo il mercato”.

Ben comprati i titoli del settore bancario, secondo alcuni operatori il mercato si aspetta che una vittoria del centro-sinistra possa favorire il completamento delle merger tra grandi banche, alcune delle quali ruotano nell’orbita unionista.

Inoltre sull’obbligazionario migliora di un punto, secondo i primi rilevamenti, lo spread tra bund e titoli di stato italiani.