E’ il panico: la Bce compra Btp

4 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – A giudicare dai grafici, esattamente alle 9 del mattino, mezz’ora dopo l’inizio della conferenza stampa di Trichet, la Banca Centrale Europea ha iniziato a comprare titoli di stato italiani nella speranza che il mercato si dimentichi di quanto il continente europeo e’ a corto di finanze. E nel tentativo di risollevare i prezzi dei bond che nelle ultime settimane sono stati assaliti dalle vendite.

E’ il terzo intervento annunciato da una banca centrale nei mercati di capitali nel giro di 24 ore. Prima era stata la volta di Banca centrale svizzera e giapponese. La prossima sara’ la Fed. Secondo l’economista Nouriel Roubini la terza tornata di quantitative easing e’ gia’ iniziata.

Anche se il rendimento dei Btp a dieci anni e’ sceso sotto il 6% ieri, il selloff dei bond portoghesi sta subendo un’accelerazione, dove i rendimenti sul decennale sono in rialzo di 15 punti base all’11,34%. E per via del diffondersi del panico, anche i prezzi del benchmark italiano stanno accusando il colpo.

Poco fa e’ arrivato un secco “No comment” di Trichet alla domanda di una giornalsita sul perche’ la Bce ha deciso di comprare anche titoli di stato italiani, oltre a quelli portoghesi e irlandesi.

Dopo giorni di alta tensione la Banca centrale europea ha infine rotto gli indugi e si e’ lanciata in soccorso dei paesi di Eurolandia bersagliati dagli allarmismi, effettuando nuovi acquisti di titoli di Stato. Lo hanno riferito fonti bancarie, mentre da Francoforte il presidente della stessa Bce, Jean-Claude Trichet, si e’ limitato a lasciar intendere – senza affermarlo esplicitamente – che l’istituzione si stava muovendo.

“Lo vedrete dai dati lunedi’ prossimo”, ha affermato nella conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo, che ha anche confermato all’1,50% il livello dei tassi di interesse nell’area euro. Ogni lunedi’ la Bce fornisce un dato generale sul totale degli acquisti compiuti su titoli di Stato di Eurolandia, e per ben 18 settimane questa voce è rimasta ferma a 74 miliardi di euro.

Ma “lunedi’ prossimo vedrete – ha insistito Trichet – tra una settimana vedrete cosa abbiamo fatto”. Il programma “resta attivo e non ho mai affermato che fosse stato messo a riposo”. Fonti di una grande banca commerciale citate da France Presse hanno riferito che la Bce e’ intervenuta sui mercati. “I nostri trader ce lo confermano – hanno detto queste fonti. In questo momento la Bce e’ sul mercato”.