Draghi si sbilancia: “Euro irreversibile”

21 Luglio 2012, di Redazione Wall Street Italia

L’euro è “irreversibile”, non c’è un rischio di “esplosione” dell’unione monetaria e la Banca centrale europea è pronta ad agire “senza tabù” se necessario. Lo ha affermato il presidente della Bce, Mario Draghi, in un’intervista a Le Monde. “Vediamo analisti immaginare scenari di esplosione della zona euro vuol dire mal conoscere il capitale politico che i nostri dirigenti hanno investito in questa Unione e il sostegno degli europei”, ha spiegato Draghi.

(ASCA-AFP) – Parigi, 21 lug – L’euro e’ ”irreversibile” e la Banca centrale europea e’ pronta ad agire senza tabu’ per preservare la moneta unica. Ad affermarlo, in un’intervista a Le Monde, il presidente della Bce Mario Draghi sottolineando che non vi sara’ alcuna esplosione della zona euro.

Non si puo’, secondo Draghi, ignorare il ”capitale politico” che i nostri leader hanno investito in questa unione e il sostegno offerto dagli europei. ”Per questo – ha ribadito Draghi – l’euro e’ irreversibile”. ”La salvaguardia dell’euro fa parte del nostro mandato” e per farlo agiremo in modo aperto e ”senza tabu”’, ha aggiunto il presidente della Bce. Draghi ha poi ricordato che la Bce ha deciso di ridurre il tasso d’interesse a meno dell’1% perche’ prevedeva che l’inflazione sarebbe stata vicina al 2% all’inizio del 2013.

”Un provvedimento che dovrebbe produrre i suoi effetti – ha precisato – il numero uno della Bce” sottolineando che ci sono ”margini di manovra”. Il presidente della Banca centrale europea ha inoltre detto di ritenere estremamente utile coinvolgere i creditori privilegiati nel caso del fallimento di un istituto bancario. Disposizione, questa, a lungo osteggiata dalla Bce, come nel caso del salvataggio delle banche irlandesi.

”Una cosa importante riguarda il coinvolgimento dei creditori privilegiati delle banche. La Bce ritiene che dovrebbero essere coinvolti in caso di liquidazione di una banca. Impegnandoli nella risoluzione della crisi verremo incontro ai contribuenti, gia’ duramente colpiti”, ha spiegato Draghi.